A fine settembre nuovo piano industriale del Gruppo FS

A fine settembre nuovo piano industriale del Gruppo FS

Durante il Forum Ambrosetti svoltosi a Cernobbio, l’AD di Ferrovie dello Stato, Renato Mazzoncini ha annunciato che il nuovo Piano Industriale del Gruppo FS sarà presentato a fine settembre. Avrà durata decennale (5+5), e questi saranno i pilastri fondamentali: l’impegno per una mobilità integrata (anche attraverso il nuovo progetto “Traveling Companion”), l’annunciata fusione con ANAS, la ristrutturazione del comparto merci, lo sviluppo all’estero e lo studio per la quotazione in borsa.
Sviluppo internazionale
In un’ottica di internazionalizzazione a fine aprile scorso c’è stato il via libera da parte dell’UE al quarto pacchetto ferroviario che punta a creare uno spazio ferroviario europeo unico. Grazie a ciò “stiamo individuando relazioni in altri Paesi. Abbiamo un interesse per la Parigi-Bruxelles”, ha anticipato Renato Mazzoncini, ricordando il recente accordo trilaterale per realizzare a fine 2017 la Milano-Zurigo-Francoforte. “Il nostro obiettivo”, ha concluso, “è creare dei collegamenti europei ed essere un operatore europeo”.
Il tutto fa parte di una strategia di espansione internazionale ed in tale ottica rientrano l’acquisto della società Greca Trainose “la cui firma arriverà a fine settembre ed il primo gennaio ci sarà il trasferimento delle azioni” nonché i futuri sviluppi in UK con la partecipazione di Trenitalia, in associazione temporanea di impresa con una società inglese, alla gara per la gestione della linea Londra-Edimburgo.
A margine dei lavori del Forum Ambrosetti, l’AD di Ferrovie dello Stato ha incontrato il vicepremier russo Arkady Dvorkocich, con cui ha affrontato i temi legati alla collaborazione avviata fra le ferrovie italiane e quelle russe il 6 luglio con la firma di un memorandum d’intesa che prevede, infatti, lo sviluppo comune di progetti per la costruzione e modernizzazione della infrastruttura ferroviaria, in aggiunta alla fornitura di prodotti e servizi per la logistica ed il trasporto di merci e passeggeri. L’intesa prevede anche la collaborazione per la costruzione di linee ad alta velocità in Russia, oltre a progetti congiunti per la realizzazione di nuove infrastrutture ferroviarie in altri paesi. Analoghe intese sono state siglate nell’estate anche con le ferrovie giapponesi.

Fonte: Fs News